• Chiara Pecorella

RECENSIONE FRIENDS


Dovendo passare la maggior parte del tempo in casa, è facile per noi ragazzi (e non solo) ritrovarsi a guardare serie tv che speriamo ci appassionino, sfogliando i cataloghi Netflix e cercando qualcosa che attiri la nostra attenzione più delle altre. Quando si cerca una compagnia allegra e mai noiosa, di cui spesso siamo privati, data la situazione, non si può fare a meno di circondarsi dei personaggi delle nostre serie tv preferite che, in perfetto stile comedy, vivono le loro vite con alti e bassi rendendoci quasi parte delle loro giornate. Tra le situation comedy statunitensi una che proprio non si può proprio NON aver guardato è “friends”, meravigliosa serie prodotta da David Crane e Marta Kauffman a cavallo tra la fine degli anni novanta e i primi anni 2000. La serie racconta le vite di sei amici newyorkesi che affrontano le loro giornate insieme con una semplicità che rende impossibile non sentirsi parte del gruppo, vivendo con loro momenti allegri e tristi come su una giostra di emozioni. Le loro carriere, i loro amori e i loro momenti no ci mostrano come affrontare la vita circondati dal supporto che solo un amico può darti, che faccia la differenza, facendoti quasi desiderare di mollare tutto e andare in cerca di un’amicizia simile. Tutti dovrebbero vedere “friends” almeno una volta, sono sicura che chiunque, a lungo andare, non potrà fare altro che affezionarsi.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti