top of page
  • Immagine del redattoreLeonardo Cersosimo

CHI E’ PATRIZIO BIANCHI, NUOVO MINISTRO DELL’ISTRUZIONE

NOMINATO DA DRAGHI, È UN TECNICO ATTIVO NELL’AMMINISTRAZIONE DA LUNGO TEMPO

Iniziamo a sentirne parlare solo ora, soprattutto per la scelta che sta per compiere sulle chiusure delle scuole, ma chi è esattamente Patrizio Bianchi? Classe 1952 è laureato in Scienze politiche all’Università di Bologna, dove è alunno di Romano Prodi. Dopo aver svolto una consistente attività accademica nell’ambito delle politiche economiche, dal 1986 diventa professore universitario di economia e politiche economiche prima nell’università di Bologna, poi all’Università degli Studi di Ferrara, ateneo in cui è cofondatore della facoltà di economia e dove nel 2004 verrà eletto rettore, carica mantenuta fino al 2010.

Sempre nel 2010 inizia la sua attività politica diventando assessore alle politiche europee per lo sviluppo, scuola, formazione, ricerca, università e lavoro della Regione Emilia-Romagna per due mandati. Lascerà il posto dopo essere stato convocato da Mario Draghi per la nomina al Ministero dell’Istruzione. Nel 2018 inoltre è vicepresidente della Commissione Intermediterranea della Conferenza delle Regioni periferiche e marittime. Nell’aprile 2020 è chiamato al Ministero dell’Istruzione per prendere parte alla Task Force incaricata di coadiuvare la ministra Azzolina nella gestione delle scuole durante l’emergenza sanitaria. Il suo operato è concentrato in un documento dove indica proposte per la partenza dell’a.s. 2020/2021. In seguito ha espresso disappunto per la mancata applicazione delle sue raccomandazioni.

Docente di economia applicata all’Università Telematica UniNettuno di Roma, vincitore del premio Lincei, Commendatore al Merito della Repubblica Italiana, titolare della Cattedra UNESCO in "Education, Growth and Equality" a Ferrara, direttore scientifico dell'Ifab (Fondazione Internazionale Big Data e Intelligenza Artificiale per lo Sviluppo Umano), autore di ben 38 scritti fra libri, articoli ed enunciati. Una carriera ricca e di rispetto, contornata da studi e conoscenze di alto livello che speriamo riuscirà a convogliare nella sua attività ministeriale.

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Conoscere la verità ci rende liberi

Indagare la verità è uno dei diritti- doveri fondamentali di chi fa parte del contesto sociale in modo attivo. Tanti sono i magistrati e i giornalisti che si sono spesi per realizzare tale principio,

Comments


bottom of page